Le bottiglie del vino - deWINE

Vai ai contenuti

Menu principale:

deWINE SCHOOL
La bottiglia di vetro ha un ruolo fondamentale per il vino, infatti  se combinata ad un tappo di alta qualità, ne permette un invecchiamento a  lungo termine. Il vetro, oltre ad aver dato inizio all'imbottigliamento  diretto da parte del produttore, ha infatti tutte le qualità richieste  per una lunga conservazione.
La dimensione delle bottiglie non è  determinante solo sull’estetica dell’acquisto, ma influisce notevolmente  anche sul processo di affinamento del vino.
Le bottiglie più capienti risultano le più adatte all’invecchiamento,  in quanto la quantità di ossigeno che riesce ad introdursi è minore (se  rapportata alla quantità di vino presente). Ciò consente una maturazione  più lenta ed uno sviluppo migliore delle caratteristiche organolettiche  del prodotto.

Ma quali sono i formati e nomi delle bottiglie? Dalla più piccola alla più grande:
  • Demi: mezza bottiglia, capienza di 0.375L.
  • Bottiglia: formato classico, capienza di 0.75L.
  • Magnum: doppia bottiglia, capienza di 1.5L.
  • Jeroboam (doppia magnum): prende il nome dal Re fondatore del Regno d'Israele, capienza di 3L.
  • Rehoboam: prende il nome dal primo re della Giudea, capienza di 4.5L.
  • Mathusalem: prende il nome dall’uomo più longevo dell’antico testamento, capienza di 6L.
  • Salmanazar: prende il nome dal Re Assiro, capienza di 9L.
  • Baltazar: rievoca uno dei Re Magi, capienza di 12 Litri.
  • Nabuchodonosor: antico re di babilonia, capienza di 15 Litri.
  • Melchior: rievoca uno dei Re Magi, capienza di 18L.
  • Primato: prende il nome dal gigante ucciso da Davide, capienza di 27L.
  • Mechizèdec: la bottiglia in assoluto più grande, capienza di 30L.
Torna ai contenuti | Torna al menu