Storia del vino 2 - deWINE

Vai ai contenuti

Menu principale:

deWINE SCHOOL
Chi ha scoperto le bollicine?

Generalmente si dice che sia stato Dom Perignon ad "inventare" le bollicine. A parte il fatto che esistono molti subbi sulla sua effettiva esistenza, in realtà, vi sono testimonianze scritte che già ai tempi dei Romani di pratiche di rifermentazioni di vini dolci o di vini base secchi con l'aggiunta di mosto dolce.

I primi episodi di rifermentazione del vino con conseguente creazione di bollicine sono dovuti "al caso": la fermentazione iniziale si è arrestata per via dell'abbassamento della termperatura (indicativamente al di sotto dei 15° C) e in primavera, con l'innalzarsi delle temperature, la fermentazione riparte... e con grande sorpresa, specialmente per i vini già imbottigliati: bottiglie che esplodono e tappi che saltano! Il commercio di tali bottiglie all'inizio non è stato di certo semplice.

I meriti dei francesi sono senz'altro quello di aver perfezionato la tecnica e la conservazione dei vini con le bollicine in bottiglie resistenti ad altra pressione (ricordiamo che in una bottiglia la pressione raggiunge i 6 bar!).
Torna ai contenuti | Torna al menu